Archiviata la querela contro Enzo Palmesano

Era stata presentata da Giuseppe e Gaetano Lubrano, figli del defunto boss Vincenzo Lubrano

0
41
caso palmesano

Il giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dottoressa Ivana Salvatore, ha archiviato la querela per diffamazione a mezzo stampa contro il giornalista Enzo Palmesano (vittima di reato di tipo mafioso) presentata dai fratelli Giuseppe e Gaetano Lubrano, figli del defunto boss di Pignataro Maggiore Vincenzo Lubrano. L’ordinanza in tal senso è stata emessa a seguito della camera di consiglio che era stata convocata per effetto della opposizione dei querelanti alla richiesta di archiviazione del pubblico ministero dottoressa Marta Correggia. Enzo Palmesano è stato difeso dall’avvocato Salvatore Piccolo di Luigi del Foro di Santa Maria Capua Vetere, con studio legale in Sparanise.

Come si legge tra l’altro nell’ordinanza del giudice Ivana Salvatore, “la richiesta di archiviazione del pubblico ministero deve essere accolta, non risultando nella specie travalicati i confini che delimitano l’esercizio dell’esimente del diritto di critica su fatti di pubblico interesse, nel rispetto del requisito della continenza”, Inoltre, “considerato il tenore complessivo dello scritto, il limite della verità del fatto appare, dunque, rispettato, così come pacifici risultano l’interesse pubblico alla divulgazione della notizia e la continenza delle espressioni adoperate, da valutarsi nel rispetto dei richiamati principi di diritto anche alla luce della coerenza tra le espressioni (sebbene aspre) adoperate e il contenuto della critica espressa”. Infine, “condividendo quanto già argomentato dal pubblico ministero neppure si ritiene che l’articolo oggetto di querela sia idoneo a superare i limiti della legittima, sia pur sferzante, critica politica, non potendosi affermare che le espressioni in esso contenute si risolvano effettivamente in una gratuita aggressione verbale delle persone offese, lesiva della loro dignità”; del resto l’annotazione del 10 febbraio 2016 dell’Arma dei carabinieri dà conto “della frequentazione degli opponenti con contesti criminali (anche di tipo camorristico)”.

Come è noto, il padre di Giuseppe e Gaetano Lubrano, “don” Vincenzo Lubrano (potente e sanguinario capomafia tra l’altro condannato all’ergastolo per l’omicidio del fratello del giudice Ferdinando Imposimato) chiese e ottenne la cacciata del giornalista Enzo Palmesano dal quotidiano locale “Corriere di Caserta”. Ora gli eredi del suddetto boss, assistiti dall’avvocato Gennaro Lepre del Foro di Napoli, hanno tentato inutilmente (come la folla di tutti gli altri querelanti ugualmente sconfitti) di far condannare Enzo Palmesano per diffamazione a mezzo stampa. E’ il clima che esiste a Pignataro Maggiore, famigerata città conosciuta quale “Svizzera dei clan”.

Fonte: PIGNATARO MAGGIORE NEWS

Immagine di default