Sky: giudice del lavoro annulla trasferimento di una collega mascherato da trasferta. La 104 va rispettata

0
296

Un trasferimento mascherato da trasferta e la protezione delle colleghe che devono assistere familiari per la legge 104. 


Stampa Romana accoglie con favore la decisione della giudice Bellini del Tribunale del Lavoro di Roma. Ha accolto un provvedimento di urgenza chiesto da una collega di Sky di fronte ad una trasferta disposta dall’azienda da Roma a Milano per 40 giorni, annullandola. 


La giudice, visti anche i precedenti dell’azienda che aveva disposto trasferte in continuità prima di licenziare altre colleghe, ha ritenuto plausibile che quella disposta non sia una trasferta ma un trasferimento mascherato. Questo trasferimento in realtà andrebbe a ledere anche la legge 104 che vieta il trasferimento senza consenso del lavoratore che assiste un familiare in condizione di disabilità come nel caso in questione.


Ricordiamo che l’azienda nell’accordo che regolava il trasferimento di molti colleghi di Roma a Milano si era impegnata a non ledere i diritti di chi si trovava in condizioni di difficoltà familiare anche quando questa difficoltà trovava cornice in una legge.


Stampa Romana invita Sky al pieno rispetto formale e sostanziale di quanto sottoscritto con il sindacato di categoria. 
E ricorda le cause individuali intentate dalle cinque colleghe licenziate dalla multinazionale, tutte pendenti davanti al Tribunale del Lavoro di Roma.

Lazzaro Pappagallo 
Segretario Associazione Stampa Romana

Immagine di default