Il Mise per l’autoimprenditorialità

0
504
ministero

Segnaliamo un bando del Ministero per lo Sviluppo Economico sull’autoimprenditorialità.
Si muove un po’ sulla falsariga di quello della Regione Lazio che finanziava partite iva e professionisti per 25mila euro da restituire in sette anni con tasso all’1%.
La massa monetaria è molto più imponente e deve essere accompagnata da un autofinanziamento per un quarto del valore.
In questo caso le condizioni del mutuo per le imprese sono ancora più vantaggiose. Il tasso è zero.

Queste le caratteristiche principali:
• si rivolge non solo ai giovani fino a 35 anni, ma anche alle donne indipendentemente dall’età
• è applicabile non più nelle sole aree svantaggiate ma in tutto il territorio nazionale
• non prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto, ma solo la concessione di mutui agevolati a tasso zero, per investimenti fino a 1,5 milioni di euro (per singola impresa)
• possono presentare la domanda di accesso alle agevolazioni le imprese costituite al massimo da 12 mesi
• possibilità di presentazione della domanda anche da parte di persone fisiche che intendono costituire una società.
Sono agevolabili, fatti salvi alcuni divieti e limitazioni previsti dal regolamento comunitario sugli aiuti d’importanza minore, cosiddetti de minimis, le iniziative che prevedono programmi d’investimento non superiori a 1,5 milioni di euro relativi a:
• produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli;
• fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
• commercio e turismo;
• attività riconducibili anche a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti:
o la filiera turistico-culturale (intesa come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi);
o l’innovazione sociale (intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative).
Per ulteriori informazioni vale il link:

http://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/autoimprenditorialita