Etica & professione: conduttore tv russa cita Stalin per massacro Katyn, il nipote lo querela

0
61

Mosca, 28 ott – Il nipote di Josip Stalin, Yevgeny Dzhugashvili, ha querelato per diffamazione Vladimir Pozner, conduttore di Channel One, per aver detto che il nonno aveva autorizzato il massacro delle migliaia di prigionieri di guerra a Katyn nel 1940. Lo ha annunciato l´avvocato di Dzhugashvili, Sergei Strygin. ´Diverse migliaia di ufficiali polacchi innocenti erano stati uccisi a Katyn´, aveva dichiarato Pozener nella sua trasmissione del 24 ottobre precisando che il massacro ´era stato raccomandato da Beria certamente con l´approvazione di Stalin´. ´´Il mio cliente ritiene che l´informazione secondo cui Stalin aveva approvato l´uccisione di diverse migliaia di ufficiali polacchi innocenti e´ falsa e offende l´onore e la dignita´ di suo nonno´´, ha dichiarato il legale. Il massacro di Katyn rimane un argomento sensibile in Russia, malgrado i passi avanti compiuti dalle autorita´ per il riconoscimento dell´eccidio, come la risoluzione approvata lo scorso anno dalla Duma. (adnkronos)