Ciociaria Oggi non va in edicola
Redazione sfrattata
Protestano Asr e Cgil-Cisl-Uil

0
208

L´Associazione Stampa Romana e la Cgil-Cisl-Uil dei poligrafici di Latina e Frosinone esprimono solidarietà ai giornalisti e i poligrafici di Ciociaria Oggi, costretti a rinunciare all´uscita del giornale e a scioperare per l´inagibilità della sede di Frosinone, posta sotto sequestro su istanza dell´affittuario, in credito di molte mensilità.

“E´ il triste e speriamo momentaneo epilogo di una situazione che stava degenerando da qualche settimana – affermano i sindacati dei giornalisti e dei poligrafici -. La crisi delle due testate edite dalla Neo, Latina e Ciociaria Oggi, si trascina da molto tempo e sembrava a una svolta dopo il passaggio delle quote di minoranza della cooperativa da Giuseppe Ciarrapico ad Armando Palombo.


L´impressione – proseguono i sindacati – è che il nuovo socio di riferimento, certamente  non aiutato dall´assoluta opacità della gestione precedente, abbia sottovalutato la quantità e la qualità del debito accumulato in questi anni. Ora bisogna al più presto correre ai ripari, se veramente si crede nelle potenzialità dei due quotidiani. Serve una velocissima ristrutturazione del debito e un´iniezione immediata di capitale fresco, in attesa dello sblocco, atteso a fine mese, del finanziamento pubblico.


Quello che è certo – concludono Asr e Cgil-Cisl-Uil – è che il peso non può più ricadere sul lavoratori dipendenti e sui collaboratori, giornalisti e poligrafici, che hanno già ampiamente pagato i disastri della gestione Ciarrapico e finora sostenuto il salvataggio delle testate con il proprio sacrificio economico”.

LA LETTERA DEL CORPO REDAZIONALE

Frosinone, 24 settembre 2012


Da: Redattori e Poligrafici di Ciociaria Oggi
A: Direttore Alessandro Panigutti
A: Direttore Editoriale Gianluca Trento
A: Editore N.E.O. sig. Armando Palombo
A: Associazione Stampa Romana
A: CGIL Cisl e Uil sigg. Giuseppe Di Pede, Pasquale Legnante, Angelo Astuti



In data  24 settembre 2012 i redattori di Ciociaria Oggi hanno avuto la spiacevole “sorpresa” di trovare la redazione centrale di Frosinone del quotidiano succitato chiusa a seguito di sfratto esecutivo.
L´evento, paventato da più parti e da parecchi giorni, non è stato scongiurato da alcun intervento dell’Azienda, che non ha operato alcun tentativo di evitare le estreme conseguenze, visto che nessun dirigente era presente al momento del provvedimento.
I redattori, compatti, si sono riuniti ai piedi del grattacielo L´Edera, di piazzale De Matthaeis a Frosinone, sperando in una soluzione positiva del grave problema. Dinanzi alla proposta di disperdersi nei vari uffici di corrispondenza per produrre un giornale rabberciato e incompleto, peraltro in presenza di problemi tecnici di variegata natura, la redazione di Ciociaria Oggi, con il personale poligrafico, ha opposto un fermo rifiuto.
Il  problema fa infatti seguito a gravissime insolvenze da parte della proprietà. La precarietà economica cagionata da tali ingiustificate mancanze ha di fatto reso ancor più penosa l’ipotesi di trasferimenti momentanei. Il corpo redazionale intende salvaguardare la propria dignità, la propria deontologia professionale ed il prodotto che fino a ieri ha confezionato con straordinario spirito di sacrificio.
A tal fine intende ribadire la propria buona volontà qualora venissero ripristinate le condizioni indispensabili per recarsi sul posto di lavoro.