Accordo Newsmediaset: percorso avviato per tutelare i colleghi

0
302

L’assemblea romana di newsmediaset ha approvato a maggioranza l’ipotesi di accordo sottoscritto tra rappresentanza sindacale nazionale e territoriale dei giornalisti e Rti per regolamentare tempi e modi dei trasferimenti comunicati dall’azienda a 29 colleghi della redazione romana verso quella di Cologno Monzese.  


L’accordo garantisce ai colleghi condizioni migliorative rispetto a quelle previste dal contratto nazionale e tempi dilatati per i trasferimenti rispetto a quelli previsti dall’Azienda nelle 29 lettere recapitate ai giornalisti . Per la rappresentanza sindacale restano le perplessità sulle ragioni dei trasferimenti e la convinzione che la sede romana vada coperta da un numero congruo di giornalisti.  


Le parti si sono pertanto impegnate ad avviare entro il mese di dicembre un secondo  tavolo per valutare la nuova organizzazione del lavoro e relativa pianta organica necessaria.  Parte integrante dell’accordo,  l’impegno da parte dell’azienda a garantire la mobilità interna tra le testate del gruppo al fine di non penalizzare ulteriormente il Centro Palatino.  

La redazione romana di newsmediaset ringrazia segretario e vicesegretario di Stampa Romana e con loro l’intera struttura sindacale per l’impegno e il sostegno concreti dimostrati durante tutte le fasi di una difficile trattativa.

LAVORO. BONAFONI: PASSI IN AVANTI IN TRATTATIVA NEWSMEDIASET-RTI

DIRE) Roma, 11 nov. – “Le notizie che giungono dalla trattativa tra la rappresentanza sindacale nazionale e territoriale della redazione Newsmediaset e Rti al momento sono incoraggianti, come conferma l’approvazione da parte dell’assemblea dei giornalisti dell’ipotesi di accordo. Un passo avanti che dilata i tempi per i trasferimenti e che garantisce condizioni migliori a partire dalla mobilità interna tra le testate del gruppo.Tuttavia, come ribadito il 15 ottobre durante l’audizione presso la XI commissione del Consiglio regionale del Lazio, a cui parteciparono i rappresentati Mediaset, il fatto che si operi in assenza di un piano industriale che spieghi che fine farà anche la qualità dell’offerta informativa rende la vertenza ancora più complessa. Legittime le perplessità espresse dalla rappresentanza sindacale sulle ragioni dei trasferimenti e la convinzione che la sede romana necessiti di un adeguato numero di giornalisti; Il mese di dicembre sarà determinate grazie all’ apertura di un secondo tavolo, per valutare la nuova organizzazione del lavoro e la pianta organica. Da parte mia continuerò a monitorare gli sviluppi con la consapevolezza che è necessario trovare una soluzione che non faccia prevalere gli interessi di crescita e sviluppo dell’azienda a danno dei dipendenti e delle loro famiglie”.

Cosi in un comunicato la consigliera regionale del Lazio Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti.

Immagine di default