SINDACATI: DNG APPALTO MEDIASET, LICENZIATI 5 LAVORATORI

0
367
Mediaset

Il giorno 29 gennaio 2020 la Società DNG, uno dei principali appalti Mediaset del broadcasting, ha licenziato 5 lavoratori che non hanno accettato la trasformazione del loro rapporto di lavoro da subordinato a lavoro intermittente.

La vicenda di DNG si trascina ormai da diversi anni, in un mercato sempre più selvaggio e senza regole, che nella giornata di ieri, ha così raggiunto il suo epilogo più drammatico.
A nulla sono serviti i ripetuti incontri con il cliente Mediaset, e con la stessa DNG, che si è invece arroccata su posizioni intransigenti e fortemente laceranti.

Ricordiamo infatti che l􏰀appal􏰁o DNG p􏰂ende le mo􏰃􏰃e da 􏰄na 􏰅ecchia ce􏰃􏰃ione di 􏰂amo d􏰀a􏰆ienda del Gruppo Mediaset ed in questi anni, SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, sono stati costantemente impegnati in grandi sforzi per permettere a questa Azienda di poter competere nel mercato, anche grazie ai sacrifici accettati dei lavoratori.

Nonostante questo, l’Azienda ha deciso di aprire questa procedura di licenziamento collettivo, chiusa con esito negativo nel dicembre scorso, in cui DNG, nonostante il rinnovo del contratto di fornitura con Mediaset, anche se a condizioni in linea con il mercato, ha posto come condizione pe􏰂 p􏰂o􏰃eg􏰄i􏰂e l􏰀a􏰁􏰁i􏰅i􏰁􏰇 il pa􏰃􏰃aggio di ci􏰂ca la me􏰁􏰇 dei lavoratori al contratto di lavoro a chiamata.

Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil hanno rigettato questa proposta proponendo, in alternativa, il mantenimento delle 28 posizioni di lavoro con contratto subordinato, e dando la loro disponibilità a intervenire su altre voci di costo.

Un atteggiamento responsabile a cui DNG ha risposto con i 5 licenziamenti, a cui le OO.SS. risponderanno con tutti gli strumenti sindacali a loro disposizione.
SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL chiedono quindi a Mediaset di intervenire su DNG affinché quest’ultima ritiri i licenziamenti.

Le scriventi Segreterie Nazionali hanno inoltre intrapreso un percorso con le Istituzioni per un intervento normativo e legislativo che impedisca il ricorso ad appalti al massimo ribasso. Pertanto, chiedono ancora una volta ai committenti di appaltare le proprie commesse solo ed esclusivamente ad Aziende certificate e che rispettino leggi e contratti nazionali, altrimenti casi come quello di DNG si moltiplicheranno.

Roma 30/01/2020