Licenziamenti mak Multimedia: solidarietà cdr adnkronos e adnkronos salute

0
833

Il Cdr AdnKronos e la Fiduciaria di AdnKronos Salute esprimono la massima solidarietà ai lavoratori di Mak Multimedia Adnkronos  in sciopero il 3 marzo contro la decisione dell’azienda di mettere in liquidazione la società. Una decisione confermata nei tre incontri che si sono svolti tra sindacato e azienda nel mese di febbraio. Il Cdr AdnKronos e la Fiduciaria di AdnKronos Salute auspicano una soluzione positiva della vertenza nell’ottica della salvaguardia dei posti di lavoro.

Cdr AdnKronos    
Fiduciaria di AdnKronos Salute

ADNKRONOS – MAK MULTIMEDIA SRL: avviato licenziamento collettivo di 14 lavoratori
SLC CGIL: sciopero intera giornata per 03 marzo 2020

L’Adnkronos, una delle più grandi agenzie giornalistiche in Italia, avvia la procedura di licenziamento per 14 dipendenti.
Questo avviene a seguito della decisione da parte della proprietà del Gruppo GMC-Adnkronos – che si occupa da oltre 20 anni della multimedialità e dell’audiovisivo – di mettere in liquidazione la società MAK Multimedia Adnkronos SRL a partire dallo scorso giugno.

A nulla sono serviti i tre incontri tra sindacato e azienda che si sono svolti nel mese di febbraio.

La SLC CGIL ha proposto, per evitare i licenziamenti, contratti di solidarietà.
L’Adnkronos, invece, ha mantenuto la volontà ferrea di procedere al licenziamento di 14 dipendenti, tra montatori, operatori video, grafici e addetti alla produzione audiovisiva.

La produzione multimediale quindi, punto cardine e settore imprescindibile dell’informazione e della comunicazione contemporanea, viene profondamente messa in discussione da parte di Adnkronos, una delle più importanti agenzie di stampa italiane, ridimensionando di fatto l’offerta e la qualità della stessa. La dichiarazione da parte dell’azienda di una sostanziale riduzione del lavoro in ambito audiovisivo, cozza di fatto con un processo di esternalizzazione già in atto. Ci si chiede quindi quale sia il senso di chiudere un settore – quello audiovisivo – con processi collaudati, professionalità comprovate per affidarsi ad agenzie esterne.
Tutto ciò desta ancor più preoccupazione anche in considerazione del fatto che il Gruppo GMC-Adnkronos nel suo complesso è economicamente sano, anche grazie al cospicuo contributo pubblico che riceve. Quindi appare assurdo che una società del gruppo le cui risorse hanno profuso energie e professionalità negli anni, lavorando per le altre società del gruppo, rafforzandole e facendole crescere, possa essere messa in liquidazione da un giorno all’ altro.

Ecco perché auspichiamo che la società del Gruppo faccia un passo indietro e rinunci alla procedura di licenziamento collettivo. In tal modo tornerebbe a puntare su uno dei suoi asset strategici fondamentali, ossia sulla forza lavoro interna che opera da anni per conseguire con successo e professionalità gli obiettivi aziendali economici, produttivi e qualitativi.

Alla luce dell’esito negativo degli incontri tra SLC CGIL e Adnkronos, per dare maggiore forza alla voce dei 14 lavoratori coinvolti nella procedura di licenziamento, in data 3 marzo viene indetto uno sciopero, per l’intera giornata, da parte dei lavoratori di Mak -Multimedia Adnkronos S.R.L. Essi chiedono solidarietà ai dipendenti delle altre società del gruppo GMC GIUSEPPE MARRA COMMUNICATIONS, con eventuale presenza al presidio che si terrà dalle ore 12 alle ore 15 in data 3 marzo 2020, presso la sede di Roma, in via della Luce, 50.

Roma 27 febbraio 2020
per SLC CGIL Roma e Lazio
Michele Lunetta