Webinar ASR su privacy in ambiente digitale

0
107

Di fronte a una pandemia di dimensioni inattese e imprevedibili le autorità statali e sanitarie di ogni stato stanno elaborando vie per il contenimento del Covid con soluzioni digitali.

Nel nostro paese lo strumento scelto dal Governo si chiama Immuni. Nei prossimi giorni si metteranno a punto i codici che dovranno rispondere a chiari requisiti di rispetto della privacy e di conservazione dei dati ma anche di efficacia del supporto digitale per il fine che ha: la possibilità di tracciare la potenziale rete di trasmissione del virus.

In passato non sono mancati esempi di soluzioni tecnologiche a situazioni emergenziali, utilizzate per scopi autoritari. Ricordiamo solo il post 11 settembre e la serie di leggi ed attività di intercettazione massiva e globale che Snowden ha rivelato e provato oltre ogni dubbio. 

Cosa sta realizzando il nostro governo? Cosa hanno realizzato negli altri paesi? Che conseguenze comporta per la privacy e la liberta’ dei cittadini. Ma soprattutto, può servire a qualcosa? Analizzeremo tutto questo nel nostro corso a distanza con Marco Calamari.


QUANDO:Martedì 5 maggio, dalle 11.00 alle 12.00


DOCENTE: MARCO CALAMARI – classe 1955, si è laureato con lode in ingegneria all’Università di Pisa. Nel 1976 si è comprato, invece della macchina, uno dei primi pc arrivati in Italia, e da allora non si è più ripreso. Ha lavorato in varie multinazionali nell’ambito delle applicazioni ICT per l’ingegneria, ed il suo cuore è rimasto in Olivetti e nella sua cultura ineguagliabile. Dal 1998 si è dedicato alle applicazioni dell’informatica per la libertà ed i diritti civili. Ha sostenuto e partecipato a numerosi progetti FOSS come Pgp, Mixmaster, Mixminion, Freenet, Tor, Tails. Col “nom del plume” collettivo di Winston Smith ha fondato il “Progetto Winston Smith”, ONG dedicata alla difesa dei diritti civili digitali ed alla diffusione delle tecnologie che la sostengono. Nel 2002 ha realizzato il convegno nazionale “e-privacy”, giunto alla ventiseiesima edizione, e realizzato sette edizioni dei Big Brother Awards italiani. È cofondatore e fellow del “Centro Hermes per la trasparenza ed i diritti digitali”, e rappresentante presso “EDRi – European Digital Rights”. Come freelance si occupa di consulenza e formazione nell’ambito delle tecnologie crittografiche e di firma digitale, e svolge attività di Computer Forensics.

ISCRIVITI QUI