ASR su Ansa: no a nuovi tagli. Chiarezza sulla missione dell’agenzia

0
268

Il pilastro dell’informazione primaria da qualche ora non produce notizie.

Il pilastro dell’informazione primaria da qualche ora non produce notizie.

Lo sciopero di due giorni deciso dall’assemblea dei giornalisti dell’Ansa è solo l’ultimo atto di una continua erosione negli ultimi anni di posti di lavoro e di spazi per i collaboratori.

A distanza di pochi mesi da ripetute dichiarazioni su un ritrovato pareggio nei conti aziendali dopo l’ennesimo taglio di costi con una dura tornata di prepensionamenti su cui a fatica la redazione aveva trovato un punto di equilibrio sono bastati due mesi di Covid per far precipitare la situazione.

L’Ansa tra le agenzie primarie è la maggiore beneficiaria di contributi pubblici. Questi contributi nel loro ammontare complessivo sono stati prorogati e confermati per un altro anno fino a metà del 2021.

Sono risorse certe destinate ad onorare un servizio e una copertura tendenzialmente universale a disposizione della comunità professionale dei giornalisti.

Stampa Romana sostiene e sosterrà tutte le azioni di mobilitazioni sollecitate dalla redazione ma chiede ai vertici dell’Ansa chiarezza sugli indirizzi editoriali che negli ultimi mesi hanno indebolito l’identità dell’agenzia inclusa la preparazione delle pagine pronte per i quotidiani con un aggravio improprio di funzioni e carico di lavoro.

È l’ora di scelte chiare a beneficio dell’informazione di tutto il paese.

Segreteria Associazione Stampa Romana

Immagine di default