ASR su Metro: non disperdiamo il valore della free press

0
265

Era una delle frontiere del nostro giornalismo quello di una free press editata sul modello di analoghe esperienze Internazionali. Adatta a un consumo veloce ma attento, metropolitano, colto sulle linee di trasporto dove viaggiano e si spostano per lavoro o studio milioni di persone.

Le free press hanno rappresentato questo nel nostro paese.

La sostanziale chiusura di Metro rappresenta anche in questo caso una notizia da non sottovalutare.

Certamente il sindacato condanna con nettezza la gestione aziendale dell’editore Mario Farina.
Invece di sfruttare il tempo conquistato da un faticoso accordo sulla cassa integrazione Covid Farina ha preferito gettare la spugna cedendo a una società, la cui consistenza è tutta da dimostrare, il giornale.

Questo avviene proprio quando a poco a poco si rimette in moto la macchina del paese.

Eppure quella gente è lì pronta a leggere mentre si sposta sui mezzi pubblici oppure su smartphone, tablet e pc un giornalismo fattuale pieno di notizie utili.

Pensiamo dunque che per questa avventura editoriale ci sia ancora spazio partendo dalla professionalità dei colleghi che lavorano ancora per Metro.

Segreteria Associazione Stampa Romana

Immagine di default